La Calabria in… “Una storia in bianco e nero”

cop.jpg

“Una storia in bianco e nero”, questo il titolo della prima fatica letteraria della scrittrice Maria Severina Greco. Il libro, a metà tra autobiografia familiare e la Calabria agricola del ‘900,  rappresenta l’esordio in campo letterario della giovane scrittrice di Maierà, paese in cui abita insieme con i genitori e il fratello. “Il libro – si legge in una recensione – tratta della storia della famiglia paterna dell’esordiente autrice in un piccolo paese montano della Calabria agricola della metà del secolo scorso.

Terra aspra, in grado di produrre più frutti dal suolo che non dalla sua popolazione, abbracciando in pieno la teoria del “nemo propheta in patria”. L’ambientazione è tipicamente “verista” anche se collocata più recentemente rispetto a Verga e ai suoi protagonisti. Dalle parole del libro si scorgono i paesaggi calabresi dai rilievi collinari scoscesi sino al mare e dalle praterie di ulivi che caratterizzano le località circostante, impregnati della fatica di chi se ne occupa ma anche dalla passione e dalla forza d’animo che contraddistingue il contadino calabrese. La prosa è molto semplice, lineare, il testo si legge scorrevolmente, anche se è poco utilizzato il discorso diretto e si preferisce la narrazione pura ai dialoghi. Tutto ruota attorno alla figura autoritaria del nonno paterno dell’autrice, Roberto, il quale incattivito dalla dura gavetta che la vita gli ha riservato sfoga le sue angosce e la sua rabbia sui familiari che gli stanno attorno. Egli non è un violento, per intenderci, ma fa della violenza uno specchio dal quale riflettere ogni cosa e allontanare i problemi, tipico della persona orgogliosa che non ammette le sue paure. Questa fragilità d’animo è inversamente proporzionale alla sfrontatezza e al coraggio esibito anche in condizioni estreme, come l’uso delle armi o le risse”. L’autrice pare voglia lasciare al lettore le conclusioni soprattutto a chi ha vissuto in famiglia figure autoritarie e carismatiche in un certo senso come era suo nonno Roberto, lasciando sempre spazio al perdono con una buona dose di fede cristiana.

 

 

 

in alto a sinistra la copertina del libro

La Calabria in… “Una storia in bianco e nero”ultima modifica: 2011-05-24T14:45:00+02:00da erinb79
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “La Calabria in… “Una storia in bianco e nero”

Lascia un commento